Il GPP in Piemonte

L’iniziativa di maggiore rilievo presente in Piemonte è il progetto di Acquisti Pubblici Ecologici - APE promosso dalla Provincia di Torino e da Arpa Piemonte. Avviato nel 2003 con un gruppo ristretto di amministrazioni pilota, il progetto APE si è andato ampliando coinvolgendo un numero crescente di amministrazioni e comprendendo sempre nuove categorie di prodotto per cui inserire criteri ambientali negli appalti. Il Progetto APE ha ottenuto notevoli riconoscimenti a livello nazionale: la Provincia di Torino è stata premiata per la migliore politica di GPP nazionale e il Comune di Avigliana ha ottenuto il premio per il migliore bando “verde” nazionale, per il contratto dei servizi di pulizia.

Con la sottoscrizione del Protocollo d’Intesa APE del febbraio 2009, sono divenuti 35 i soggetti aderenti all’accordo. Ai precedenti sottoscrittori si sono uniti 11 nuovi soggetti e sono stati inseriti 3 nuovi prodotti (ammendanti del suolo, l’energia elettrica e la carta stampata).

Sono infatti entrati nell’accordo 5 Comuni (Almese, Giaveno, Ivrea, Piossasco e Villastellone), il Parco naturale dei Laghi di Avigliana, l’Agenzia per lo sviluppo sostenibile del Pianalto di Poirino, l’Agenzia per lo Sviluppo del Sud-Ovest di Torino, 2 aziende per la gestione dei rifiuti (Acsel e Amiat) e il presidio sanitario Gradenigo.

Annualmente viene effettuato il monitoraggio sugli acquisti realizzati con criteri ambientali nelle categorie di prodotto che rientrano nel Protocollo APE; per il 2008 queste erano: carta per copie e pubblicazioni, autoveicoli, mobili per ufficio, organizzazione di eventi e seminari, apparecchiature elettroniche da ufficio, servizi di pulizia, servizi di ristorazione, costruzione e ristrutturazione di edifici.

Nel 2008 gli enti aderenti al progetto APE hanno indirizzato verso beni che rispettano i criteri ambientali del Protocollo d’Intesa APE - aggiornamento 2006 - oltre 17 milioni di euro, circa 2,5 milioni di euro in più rispetto all’anno precedente. Nonostante la raccolta dati sia ancora difficoltosa e questi risultino incompleti, le cifre evidenziano l’interesse del GPP come strumento importante per indirizzare la produzione e il consumo verso beni e servizi a minore impatto ambientale.

Il Comune di Torino è stato l’ente che nel 2008 ha speso di più secondo criteri ambientali (confermando quanto registrato nel 2005 e 2006): 5,9 milioni di euro, seguito dal Comune di Collegno (quasi 3,4 milioni).

La ripartizione delle spese per categoria di prodotto vede crescere ulteriormente i servizi di ristorazione, sia in termini percentuali (38% della spesa totale secondo criteri ambientali) che assoluti (6,4 milioni di euro), e i servizi di pulizia (29% del totale - 5 milioni di euro). Seguono le spese per attrezzature informatiche e autoveicoli. In netto calo rispetto al 2007 le spese per eventi e seminari, edifici e mobili per ufficio. Si conferma infine il dato di spesa per acquisti “verdi” nel settore della carta per copie (206.000 € nel 2008). Da notare che il dato relativo alla spesa per edifici è fortemente carente e riguarda un unico ente (Comune di Collegno). Va infine evidenziato che la spesa per servizi di ristorazione del Comune di Torino, pur non integrando tutti i criteri APE (ragion per cui non è stata considerata come “spesa secondo APE”), include oltre 6,5 milioni di euro destinati a ortofrutta biologica.

Gli aderenti al Protocollo APE sono inoltre impegnati nell’attuazione di iniziative gestionali mirate alla minimizzazione del consumo di risorse, coerentemente con gli indirizzi impartiti a livello nazionale (art. 27 - taglia-carta del Decreto-legge n° 112 del 25 giugno 2008); ad esempio Arpa Piemonte ha abbandonato la stampa e trasporto e distribuzione cartacea del cedolino degli stipendi, preferendo la consultazione elettronica (12.000 buste e fogli all’anno in meno).

 

Tabella 22.5 - Spese effettuate integrando criteri ambientali nell’acquisto. Progetto APE - anno 2008. Fonte: Enti APE. Elaborazione Arpa Piemonte

Tabella 22.6 - Spese effettuate integrando criteri ambientali nell’acquisto. Progetto APE - anno 2008. Fonte: Enti APE. Elaborazione Arpa Piemonte